domenica 13 agosto 2017

Nuovi acquisti!

Mi sono appassionata ai libri in francese. Qualche giorno fa ne ho comprati ben sette su Amazon. I prezzi sono buoni: ho speso in media 7,40 € a libro e le copertine sono carinissime. La mia povera libreria si riempie sempre di più... prima o poi i libri conquisteranno la mia camera, costringendomi alla fuga.


Milady romance:

Le secret de la duchesse di Courtney Milan
À la conquête du marquis di Vanessa Kelly

J'ai lu pour elle:

Le pire des adversaires di Madeline Hunter
Le rêve de Phoebe di Julie Anne Long
Coeur de canaille di Lisa Kleypas
Les ailes de la nuit di Lisa Kleypas 
L'ange de minuit di Lisa Kleypas 

Ora attendo con ansia l'arrivo della mia Fairyloot. Non siete ansiosi di vedere cosa contiene? Io sì, moltissimo.
Nel frattempo, aspettatevi una recensione de Le metamorfosi di Ovidio, che ho quasi finito di leggere.

giovedì 10 agosto 2017

What's on my bookshelf? #7

Oggi il caso ha voluto che tra i libri presenti nella mia libreria Le due città di Dickens fosse eletto come protagonista di questo nuovo appuntamento con la rubrica "What's on mybookshelf?". Ecco a voi un piccolo estratto!


"La sentinella dondolante fu collocata al suo posto e il mare si precipitó avanti.
Il mare di nere acque minacciose, di incalzanti ondate distruttrici, le cui profondità erano ancora incalcolabili, le cui forze erano ancora ignote. Il mare senza rimorsi, di turbolenti forme ondeggianti, di voci che gridavano vendetta, di visi induriti nelle fornaci della sofferenza al punto che il tocco della pietà non vi lasciava più segno."

Cosa ne pensate? Avete letto questo libro?

mercoledì 9 agosto 2017

Recensione: Paradiso perduto di John Milton



Autore: John Milton
Editore: Mondadori
Collana: Nuovi oscar classici
Formato: Tascabile
Prezzo: 12,00 €


Trama:
Poema che si propone la «giustificazione all'uomo delle azioni del Signore», Paradiso perduto usa la forma drammatica per dimostrare che Adamo ed Eva furono puniti perché peccarono, scegliendo deliberatamente il Male. Uniti nella colpa e nell'implacabile sentenza divina, furono cacciati dall'Eden sulla terra: un luogo ignoto nel quale sono destinati a vivere nell'infelicità. Pur nella drammaticità del tema, le pagine del Paradiso perduto vivono di delicatissime sfumature e di un senso idillico e musicale che ne fanno ancora oggi un'opera di straordinario fascino.


♡♡♡

La mia recensione

"La mente è il proprio luogo, e può in sé fare un cielo dell'inferno, un inferno del cielo. Che cosa importa dove, se rimango me stesso? [...] Qui almeno saremo liberi; [...] vi regneremo sicuri, e a mio giudizio regnare è una degna ambizione, anche sopra l'inferno: meglio regnare all'inferno che servire in cielo".

Comprai questo libro due anni fa e poi lo misi da parte, in attesa del momento adatto per poterlo leggere.

"Preferiamo la dura libertà al più facile giogo di un lusso servile".

Finalmente, dopo la maturità, mi sono decisa a iniziarlo. In realtà, mi aspettavo una lettura più impegnativa. L'edizione che ho acquistato presenta il testo a fronte e io ho deciso di leggerlo in italiano, perché la traduzione mi piaceva più del testo originale. Nonostante i numerosi richiami a elementi della tradizione biblica e della cultura classica, il testo non è affatto difficile da comprendere e le note esplicative sono numerose e approfondite. Io non sono credente, ma la mitologia e le religioni mi affascinano. Raccontano molto di un popolo e la loro importanza culturale è innegabile. 

"Perché dovunque fugga è sempre inferno: sono io l'inferno".

Era da tempo che desideravo leggere quest'opera di cui ho tanto sentito parlare. Il modo in cui viene trattato in questo libro un tema come la caduta di Lucifero e il peccato originale di Adamo ed Eva mi ha sempre incuriosita. In particolar modo la figura di Lucifero, l'angelo che ha scelto di ribellarsi a Dio e ha pagato il prezzo del suo orgoglio insieme alle sue schiere, perdendo per sempre il Paradiso. La descrizione che Milton fa dei suoi pensieri e dei suoi sentimenti lo rendono terribilmente umano.

"Conoscere può essere un peccato? Può essere morte? E se li regge solo l'ignoranza, è questo il loro stato felice, prova dell'obbedienza e della fede?"

Una cosa che, invece, mi ha fatto arrabbiare sono i continui richiami all'inferiorità di Eva nei confronti di Adamo. È come se la sua unica dote fosse la sua bellezza e l'unico scopo della sua vita fare compagnia ad Adamo e seguire i suoi ordini. Ho provato compassione per lei, la cui unica libertà sta nel poter scegliere di peccare.

"Non amare la vita, ma non odiarla nemmeno; vivi nel modo migliore il tempo che hai da vivere".

In conclusione, le mie aspettative sono state ampiamente soddisfatte. So che non si tratta di una lettura adatta a tutti i gusti, ma se il tema vi incuriosisce vi consiglio caldamente di acquistare quest'opera al più presto!

Voto: ☆☆☆☆

mercoledì 2 agosto 2017

Cover mania #9

Il tema di oggi è... fairytale retellings!


Mechanica di Betsy Cornwell. Adoro questa copertina! Come si può facilmente dedurre dalla scarpetta che la ragazza tiene in mano, si tratta di un retelling di Cenerentola.


Winter di Marissa Meyer (edizione francese). Mi piacciono le copertine originali della serie The Lunar Chronicles, ma quelle francesi sono in assoluto le mie preferite! Ovviamente si tratta di un retelling di Biancaneve.


The shadow queen di C.J. Redwine. Ecco un altro retelling di Biancaneve. La trama di questo libro non mi ispira molto, ma la copertina mi piace. È semplice, ma quella mela nera su sfondo chiaro attira l'attenzione.

domenica 30 luglio 2017

Nuovi acquisti!

Finalmente, dopo quasi due settimane d'attesa, sono arrivati i tre libri ordinati su Mondadori Store!


Ritratto di dama di Giorgia Penzo
Gifted di H.A. Swain
The retribution of Mara Dyer di Michelle Hodkin

E voi? Quali sono i vostri ultimi acquisti?

sabato 29 luglio 2017

Cover mania #8

Dopo una lunga assenza ritorna la rubrica "Cover mania", una delle mie preferite! Se non ricordate esattamente come funziona, date un'occhiata al post "Cover mania #1".
Il tema di oggi è... sfondi neri.


Three dark crowns di Kendare Blake. Non ho mai letto questo libro, ma la sua copertina mi ha conquistata fin dal primo sguardo!


The Night Circus di Erin Morgenstern. Un libro letto tanto tempo fa. Non ricordo molto della storia, ma ricordo che mi era piaciuto. Trovo che la copertina sia davvero affascinante.


Wink Poppy Midnight di April Genevieve Tucholke. Non so assolutamente nulla di questo libro, ma la copertina, trovata per caso su internet, mi ha colpita molto.

Cosa ne pensate? Quali sono le vostre copertine con sfondo nero preferite?

giovedì 27 luglio 2017

What's on my bookshelf? #6

Torna finalmente la mia rubrica (che non sarà più a cadenza settimanale) "what's on my bookshelf?".
In cosa consiste? Prenderò un libro dalla mia libreria, lo aprirò a caso e ne posterò un piccolo estratto.

Il libro protagonista di questo post è... La moglie del califfo di Renée Ahdieh (Newton Compton Editori)


<<Ha ucciso mia cugina e adesso ha Shahrzad. Nel suo sangue scorre pura malvagità. L'unica cosa a cui riesco a pensare a proposito di Khalid Ibn al-Rashid è quante volte vorrei poterlo uccidere. È un vero peccato che possa morire una volta sola>>.
<<Lo disprezzo anch'io, con l'intensità di mille soli. Ma è sempre una buona idea studiare il proprio nemico, Tariq>>.
<<Non scambiare la mia veemenza per avventatezza. Intendo imparare tutto ciò che posso su di lui, ma non accadrà mai se resto rinchiuso tra le mura della fortezza di famiglia. Per questo andrò nel deserto a cercare i Badawi>>. Il viso di Tariq era pura determinazione. <<Da solo>>.

Cosa ne pensate? Avete letto questo libro? Vi è piaciuto?