domenica 13 agosto 2017

Nuovi acquisti!

Mi sono appassionata ai libri in francese. Qualche giorno fa ne ho comprati ben sette su Amazon. I prezzi sono buoni: ho speso in media 7,40 € a libro e le copertine sono carinissime. La mia povera libreria si riempie sempre di più... prima o poi i libri conquisteranno la mia camera, costringendomi alla fuga.


Milady romance:

Le secret de la duchesse di Courtney Milan
À la conquête du marquis di Vanessa Kelly

J'ai lu pour elle:

Le pire des adversaires di Madeline Hunter
Le rêve de Phoebe di Julie Anne Long
Coeur de canaille di Lisa Kleypas
Les ailes de la nuit di Lisa Kleypas 
L'ange de minuit di Lisa Kleypas 

Ora attendo con ansia l'arrivo della mia Fairyloot. Non siete ansiosi di vedere cosa contiene? Io sì, moltissimo.
Nel frattempo, aspettatevi una recensione de Le metamorfosi di Ovidio, che ho quasi finito di leggere.

giovedì 10 agosto 2017

What's on my bookshelf? #7

Oggi il caso ha voluto che tra i libri presenti nella mia libreria Le due città di Dickens fosse eletto come protagonista di questo nuovo appuntamento con la rubrica "What's on mybookshelf?". Ecco a voi un piccolo estratto!


"La sentinella dondolante fu collocata al suo posto e il mare si precipitó avanti.
Il mare di nere acque minacciose, di incalzanti ondate distruttrici, le cui profondità erano ancora incalcolabili, le cui forze erano ancora ignote. Il mare senza rimorsi, di turbolenti forme ondeggianti, di voci che gridavano vendetta, di visi induriti nelle fornaci della sofferenza al punto che il tocco della pietà non vi lasciava più segno."

Cosa ne pensate? Avete letto questo libro?

mercoledì 9 agosto 2017

Recensione: Paradiso perduto di John Milton



Autore: John Milton
Editore: Mondadori
Collana: Nuovi oscar classici
Formato: Tascabile
Prezzo: 12,00 €


Trama:
Poema che si propone la «giustificazione all'uomo delle azioni del Signore», Paradiso perduto usa la forma drammatica per dimostrare che Adamo ed Eva furono puniti perché peccarono, scegliendo deliberatamente il Male. Uniti nella colpa e nell'implacabile sentenza divina, furono cacciati dall'Eden sulla terra: un luogo ignoto nel quale sono destinati a vivere nell'infelicità. Pur nella drammaticità del tema, le pagine del Paradiso perduto vivono di delicatissime sfumature e di un senso idillico e musicale che ne fanno ancora oggi un'opera di straordinario fascino.


♡♡♡

La mia recensione

"La mente è il proprio luogo, e può in sé fare un cielo dell'inferno, un inferno del cielo. Che cosa importa dove, se rimango me stesso? [...] Qui almeno saremo liberi; [...] vi regneremo sicuri, e a mio giudizio regnare è una degna ambizione, anche sopra l'inferno: meglio regnare all'inferno che servire in cielo".

Comprai questo libro due anni fa e poi lo misi da parte, in attesa del momento adatto per poterlo leggere.

"Preferiamo la dura libertà al più facile giogo di un lusso servile".

Finalmente, dopo la maturità, mi sono decisa a iniziarlo. In realtà, mi aspettavo una lettura più impegnativa. L'edizione che ho acquistato presenta il testo a fronte e io ho deciso di leggerlo in italiano, perché la traduzione mi piaceva più del testo originale. Nonostante i numerosi richiami a elementi della tradizione biblica e della cultura classica, il testo non è affatto difficile da comprendere e le note esplicative sono numerose e approfondite. Io non sono credente, ma la mitologia e le religioni mi affascinano. Raccontano molto di un popolo e la loro importanza culturale è innegabile. 

"Perché dovunque fugga è sempre inferno: sono io l'inferno".

Era da tempo che desideravo leggere quest'opera di cui ho tanto sentito parlare. Il modo in cui viene trattato in questo libro un tema come la caduta di Lucifero e il peccato originale di Adamo ed Eva mi ha sempre incuriosita. In particolar modo la figura di Lucifero, l'angelo che ha scelto di ribellarsi a Dio e ha pagato il prezzo del suo orgoglio insieme alle sue schiere, perdendo per sempre il Paradiso. La descrizione che Milton fa dei suoi pensieri e dei suoi sentimenti lo rendono terribilmente umano.

"Conoscere può essere un peccato? Può essere morte? E se li regge solo l'ignoranza, è questo il loro stato felice, prova dell'obbedienza e della fede?"

Una cosa che, invece, mi ha fatto arrabbiare sono i continui richiami all'inferiorità di Eva nei confronti di Adamo. È come se la sua unica dote fosse la sua bellezza e l'unico scopo della sua vita fare compagnia ad Adamo e seguire i suoi ordini. Ho provato compassione per lei, la cui unica libertà sta nel poter scegliere di peccare.

"Non amare la vita, ma non odiarla nemmeno; vivi nel modo migliore il tempo che hai da vivere".

In conclusione, le mie aspettative sono state ampiamente soddisfatte. So che non si tratta di una lettura adatta a tutti i gusti, ma se il tema vi incuriosisce vi consiglio caldamente di acquistare quest'opera al più presto!

Voto: ☆☆☆☆

mercoledì 2 agosto 2017

Cover mania #9

Il tema di oggi è... fairytale retellings!


Mechanica di Betsy Cornwell. Adoro questa copertina! Come si può facilmente dedurre dalla scarpetta che la ragazza tiene in mano, si tratta di un retelling di Cenerentola.


Winter di Marissa Meyer (edizione francese). Mi piacciono le copertine originali della serie The Lunar Chronicles, ma quelle francesi sono in assoluto le mie preferite! Ovviamente si tratta di un retelling di Biancaneve.


The shadow queen di C.J. Redwine. Ecco un altro retelling di Biancaneve. La trama di questo libro non mi ispira molto, ma la copertina mi piace. È semplice, ma quella mela nera su sfondo chiaro attira l'attenzione.

domenica 30 luglio 2017

Nuovi acquisti!

Finalmente, dopo quasi due settimane d'attesa, sono arrivati i tre libri ordinati su Mondadori Store!


Ritratto di dama di Giorgia Penzo
Gifted di H.A. Swain
The retribution of Mara Dyer di Michelle Hodkin

E voi? Quali sono i vostri ultimi acquisti?

sabato 29 luglio 2017

Cover mania #8

Dopo una lunga assenza ritorna la rubrica "Cover mania", una delle mie preferite! Se non ricordate esattamente come funziona, date un'occhiata al post "Cover mania #1".
Il tema di oggi è... sfondi neri.


Three dark crowns di Kendare Blake. Non ho mai letto questo libro, ma la sua copertina mi ha conquistata fin dal primo sguardo!


The Night Circus di Erin Morgenstern. Un libro letto tanto tempo fa. Non ricordo molto della storia, ma ricordo che mi era piaciuto. Trovo che la copertina sia davvero affascinante.


Wink Poppy Midnight di April Genevieve Tucholke. Non so assolutamente nulla di questo libro, ma la copertina, trovata per caso su internet, mi ha colpita molto.

Cosa ne pensate? Quali sono le vostre copertine con sfondo nero preferite?

giovedì 27 luglio 2017

What's on my bookshelf? #6

Torna finalmente la mia rubrica (che non sarà più a cadenza settimanale) "what's on my bookshelf?".
In cosa consiste? Prenderò un libro dalla mia libreria, lo aprirò a caso e ne posterò un piccolo estratto.

Il libro protagonista di questo post è... La moglie del califfo di Renée Ahdieh (Newton Compton Editori)


<<Ha ucciso mia cugina e adesso ha Shahrzad. Nel suo sangue scorre pura malvagità. L'unica cosa a cui riesco a pensare a proposito di Khalid Ibn al-Rashid è quante volte vorrei poterlo uccidere. È un vero peccato che possa morire una volta sola>>.
<<Lo disprezzo anch'io, con l'intensità di mille soli. Ma è sempre una buona idea studiare il proprio nemico, Tariq>>.
<<Non scambiare la mia veemenza per avventatezza. Intendo imparare tutto ciò che posso su di lui, ma non accadrà mai se resto rinchiuso tra le mura della fortezza di famiglia. Per questo andrò nel deserto a cercare i Badawi>>. Il viso di Tariq era pura determinazione. <<Da solo>>.

Cosa ne pensate? Avete letto questo libro? Vi è piaciuto?

mercoledì 26 luglio 2017

La mia libreria

Ciao a tutti! Come stanno procedendo le vacanze? Io ho appena letto quattro libri di seguito in francese: la trilogia Les larmes rouges di Georgia Caldera e Mariage à l'écossaise di Tessa Dare.
Ecco a voi "l'angolino francese" della mia libreria! Non è adorabile? 


Ora attendo con impazienza l'arrivo dei libri ordinati su Mondadori Store! Appena li avrò tra le mani posterò una foto.

Per ora è tutto, a presto!

sabato 15 luglio 2017

Recensione: Diabolic di S. J. Kincaid!

Ciao a tutti! Finalmente sono libera dalla maturità e dalla malattia che mi ha tormentato durante tutta la scorsa settimana. Ecco a voi la recensione di Diabolic di S.J. Kincaid. 


Titolo: Diabolic (The Diabolic #1)
Autrice: S.J. Kincaid
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 19,90 €
Pagine: 360

Un Diabolic non conosce la pietà. Un Diabolic è potente. Un Diabolic ha un solo compito: proteggere la persona per la quale è stato creato. E per farlo è disposto a uccidere. Nemesis è un Diabolic, una umanoide teenager creata per proteggere Sidonia, la figlia di un senatore della galassia. Le due sono cresciute l’una accanto all’altra ma il loro non è un rapporto tra pari. Nemenis, se necessario, darà la vita per Sidonia, e sarà felice di farlo. Quando l’Imperatore viene a sapere che il padre di Sidonia sta per unirsi a una rivolta contro di lui, convoca la ragazza a corte con l’intento di prenderla in ostaggio. Per Nemesis c’è solo un modo per proteggerla: sostituirsi a lei e partire alla volta della corte imperiale, un mondo di politici corrotti e voltafaccia. Mentre l’incombere della ribellione inizia a far tremare l’impero, Nemesis inizia a scoprire in sé un’umanità più vera di quella incontrata tra gli stessi umani. E proprio questa umanità potrebbe essere la chiave per salvare se stessa e forse anche l’impero...

La trama in breve

Nemesis è un mostro.
I diabolic come lei non hanno sentimenti, non provano mai paura o pietà. Il loro unico scopo è difendere la persona per la quale sono stati creati e sono disposti a tutto pur di riuscirci.

Sidonia è la figlia del senatore von Impyrean, soprannominato il Grande Eretico a causa del suo amore per la scienza, bandita dall'Impero, e per il suo disinteresse verso la fede elionica.

Quando Sidonia viene convocata a corte dall'Imperatore, in qualità di ostaggio, per tenere a bada la sua famiglia, sua madre decide di inviare Nemesis al suo posto.

Una volta a corte Nemesis incontra Tyrus Domitrian, il folle erede al trono. Un alleato improbabile che cambierà per sempre la vita della diabolic e accenderà in lei sentimenti che non pensava di poter provare.

La mia recensione

Alla science fiction e a una tecnologia super avanzata io preferisco una storia ambientata nel medioevo o in un'altra affascinante epoca storica, ma ahimè non si può sempre guardare al passato e ogni tanto un po' di futuro non fa male. Così, dopo aver finito Storia di Re Artù e dei suoi cavalieri scritto da ser Malory nel 1485, mi sembrava il caso di leggere qualcosa di più... al passo con i tempi.

Ho comprato Diabolic appena è uscito, poi, dovendomi concentrare sulla maturità, l'ho lasciato da parte, per riprenderlo in mano ieri e finirlo in pochissimo tempo.

La storia è molto affascinante. Mi ha ricordato un po' Cinder di Marissa Meyer, ma non abbastanza da perdere la propria originalità.

Nemesis è una protagonista un po' particolare. Non prova sentimenti, almeno all'inizio. A spingerla ad agire è la necessità di proteggere Sidonia e non si fa scrupoli a uccidere pur di riuscirci.

Anche Tyrus si è rivelato un personaggio interessante. Non voglio fare spoiler su di lui, ma, se deciderete di leggere questo libro, sono certa che vi sorprenderà.

La storia ha luogo nello spazio, poiché i membri più importanti dell'Impero non vivono sui pianeti, dove abitano invece gli Eccedenti, ma nello spazio, tra tutti i confort possibili e immaginabili. Le descrizioni dell'Impero e del mondo nel quale Nemesis vive sono semplici ma efficaci.

La storia d'amore non è centrale, ma gioca comunque un ruolo importante nel libro, per cui se siete amanti delle storie d'amore non resterete delusi.

In conclusione, Diabolic si è rivelato una piacevole lettura, anche se a essere sincera mi aspettavo qualcosa di più. La storia di Nemesis non mi ha fatto emozionare come mi sarei aspettata.

La copertina è davvero stupenda! Il prezzo, invece, come sempre quando si tratta di un libro Mondadori, è un po' eccessivo.

Voto: 3 stelle

sabato 29 aprile 2017

Recensioni


Io sono buio di Kiersten White

Voto: 9 1/2
Commento: Questo libro mi ha piacevolmente stupita. Non me lo aspettavo così coinvolgente. L'ho comprato più che altro perché mi sembrava un po' diverso dal solito. Una volta iniziato non sono riuscita a fermarmi finché non l'ho finito. La storia d'amore lascia un po' a desiderare visto che il protagonista maschile si diverte ripetutamente con le donne del suo harem, ma il carattere forte, e a tratti spietato, della figlia di Dracula compensa le mancanze del giovane figlio del sultano.



Unforgiven di Lauren Kate

Voto: 8 1/2
Commento: Avete presente quella brutta sensazione che si prova quando, dopo anni e anni di attesa, finalmente esce il film di un libro e vedendolo ci si riscopre incredibilmente delusi? Ecco cos'ho provato vedendo il film di Fallen (dopo sette anni di attesa mi aspettavo almeno qualcosa di decente). Tornando al libro in questione, Unforgiven mi è piaciuto, sebbene mi senta ormai vecchia per questo genere di racconti. Che brutto leggere di sedicenni o diciassettenni che incontrano l'amore della loro vita, quando a qualche mese dal compierne diciannove l'amore non mi è mai sembrato così lontano.



End of days di Susan Ee

Voto: 9 1/2
Commento: Non dico nulla per non fare spoiler, essendo questo l'ultimo libro di una trilogia, ma coloro che hanno letto i primi due libri non rimarranno delusi dalla conclusione della storia della giovane Penryn e dell'angelo Raffe.



Elegy di Tara Hudson

Voto: 9
Commento: Dopo un po' ci si stufa ad aspettate le pubblicazioni italiane. Dopo anni di attesa sono stata costretta a comprare il volume conclusivo della trilogia iniziata con Hereafter (Se fosse per sempre, in italiano) in inglese. Sono contenta di aver finalmente scoperto come si conclude la storia di Joshua e Amelia, ma il primo romanzo resta il migliore, secondo me.



Passenger e Wayfarer di Alexandra Bracken

Voto: 9
Commento: Inizio col dire che la versione italiana è esteticamente più carina, sebbene le copertine siano uguali. Tuttavia, su Amazon ho comprato sia il primo che il secondo volume della duologia (in inglese, copertina flessibile), pagando meno di quanto avrei pagato, se avessi comprato uno solo dei due libri in italiano. Per quanto io ami vedere i miei bei libri esposti, in questo caso mi è sembrato saggio comprarli in inglese.
Ovviamente, per un'amante della storia come me, cosa c'è di meglio di un bel libro sui viaggi nel tempo? Ecco, dovete sapere che i viaggi nel tempo disturbano la mia mente razionale ahahah. È come se tutto fosse già successo e continuasse a succedere ripetutamente, permettendo a queste persone di saltare da un anno all'altro e cenare con lo zar Nicola II (sono gelosa, lo ammetto).
Passenger sotto certi aspetti è molto simile alla trilogia delle gemme di Kerstin Gier, mentre Wayfarer è più originale, ma nel complesso sono due libri molto carini.



Victorian Fantasy 1-Dentelle & Nécromancie di Georgia Caldera

Voto: 10
Commento: Da poco mi sono data alla lettura in francese. Studio inglese, spagnolo e tedesco, ma alle medie avevo studiato francese e ora, dopo quasi cinque anni, mi è venuta voglia di rispolverare quelle conoscenze a lungo dimenticate. Sono contenta di averlo fatto perché questo libro è davvero stupendo. Ambientato in un'epoca vittoriana fantasy, è esattamente il tipo di libro capace di trasportarti indietro nel tempo. La storia d'amore tra i due protagonisti poi è davvero magica (tanto che Thadeus pensa di essere vittima di un incantesimo ahahah). Non vedo l'ora di leggere il secondo libro della serie!


Ritorno da te di Jennifer L. Armentrout

Voto: 9 1/2
Commento: Jennifer L. Armentrout è una delle mie scrittrici preferite. Adoro tutti i suoi personaggi maschili, Ren compreso (anche se Roth di Caldo come il fuoco resterà sempre il migliore). Ritorno da te non mi ha delusa. Lontano da te mi è piaciuto di più a livello di trama, ma questo secondo libro è decisamente più divertente.


Un bacio sotto le stelle di Melissa Landers

Voto: 8 1/2
Commento: Un bacio sotto le stelle, come Un amore sotto le stelle, è un libro carino e originale. Non si tratta affatto di una lettura impegnativa. Superadatto per passare piacevolmente un pomeriggio immersi in una romantica relazione a (anni luce di) distanza. Povera Cara, con miliardi di persone disponibili su questo pianeta, doveva proprio andare a innamorarsi di un alieno?



Le Secret de Pembrooke Park di Julie Klassen

Voto: 10 
Commento: Altro libro letto in francese (anche se la versione originale è in inglese). Adoro gli historical romance! Sono così romantiche le storie d'amore d'altri tempi, non trovate? (Datemi ragione, vi prego! ahaha) Se amate del buon romanticismo, unito a una buona dose di mistero (una villa abbandonata, una stanza segreta, un tesoro misterioso...), questo libro fa proprio per voi. 

lunedì 24 aprile 2017

Recensioni: i classici della letteratura


Ciao a tutti! Come va? Da quanto tempo! Lo so, è colpa mia. La scrittura della tesina mi ha portato via molto tempo e purtroppo ho trascurato il blog, di nuovo. Vi prometto che dopo la maturità mi farò perdonare. Per il momento, invece, continuerò con le mini-recensioni. Come sempre, se siete interessati a un libro in particolare tra quelli che commenterò qui sotto, ditemelo e vedrò di farne una recensione più approfondita.
Iniziamo!


Ivanhoe di Walter Scott

Voto: 9
Commento: Ovviamente, come resistere al fascino di un romanzo storico? Questo libro mi è piaciuto così tanto che dopo averlo finito ho deciso di comprare Robin Hood di Alexandre Dumas. Per un'amante di tutto ciò che storico come me, Ivanhoe è decisamente il libro giusto. Tornei, cavalieri, amore... e sì, anche il caro principe Giovanni, che non posso fare a meno di immaginare come un leone che si succhia il pollice. Tutta colpa della Disney!




 A Christmas Carol di Charles Dickens

Voto: 8 1/2
Commento: Non è il libro migliore di Dickens, ma vale la pena leggerlo, almeno una volta nella vita, vista la sua fama. L'edizione della Macmillan Collector's Library, poi, è davvero stupenda. Costa un po' rispetto ad altre versioni, ma merita.




Operette morali di Giacomo Leopardi

Voto: 10
Commento: Adoro Leopardi e tutta la sua produzione letteraria, ma le Operette morali sono in assoluto le mie preferite. Non sono affatto difficili da leggere e i temi trattati sono decisamente interessanti.




Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello

"E intanto la natura, nella sua infinita grandezza, non ha forse il più lontano sentore di noi e della nostra vana illusione."
Voto: 8
Commento: Ho letto Il Fu Mattia Pascal per scuola. Non è uno dei miei libri preferiti, ma mi è piaciuto. Ciò che più mi è rimasto impresso è il discorso che Mattia Pascal fa, all'inizio del romanzo, sulla rivoluzione copernicana e la presa di coscienza dell'uomo rispetto alla sua piccolezza, in un universo infinitamente grande.



Villette di Charlotte Brontë

"Se la vita è una guerra, sembrava mio destino ch'io la dovessi combatter da sola."

Voto: 9
Commento: Villette mi è piaciuto molto più di Jane Eyre, sebbene ci siano delle somiglianze tra i due romanzi. Lucy Snowe è una ragazza molto forte, soprattutto se si considera il fatto che, nell'Ottocento, la vita per una donna sola era tutt'altro che semplice. Il suo comportamento è ammirabile. Consiglio questo libro a tutte le donne che, almeno una volta nella vita, non si sono sentite all'altezza e che si sono innamorate di uomo, pur sapendo che non avrebbe mai ricambiato i loro sentimenti.
La scrittura di Charlotte Brontë è davvero moderna. Il finale mi ha leggermente delusa, ma in generale si tratta di un libro davvero bello.

Cosa ne pensate? Avete letto questi libri?    

venerdì 24 febbraio 2017

Mini-recensioni: serie tv!


Pensavate che mi fossi dimenticata di voi? Ebbene, no. Potrei dire di essere stata molto occupata, ma sarebbe una bugia. Quest'anno a scuola mi sembra di non avere mai niente da fare! (dovevo arrivare in quinta per poterlo dire ahaha) La verità è che ho preferito utilizzare il tempo a mia disposizione per leggere, scrivere e guardare serie tv, che ora voterò per voi.

Cosa sto guardando al momento?
☆iZombie (già votato: la mia opinione resta invariata)
☆Downton Abbey
☆Reign (Season 4)



Downton Abbey
Voto: 9
Commento: Sono alla fine della prima stagione e mi sta piacendo moltissimo. Gli epidosi sono un po' lunghi (1h e 20 min circa), ma Netflix è fantastico e mi fa riprendere l'episodio da dove l'avevo lasciato, quindi li vedo un po' a pezzi. Adoro l'ambientazione di inizio Novecento, i vestiti, l'arredamento, le bellissime stanze, l'ironia di alcuni personaggi, le vite parallele dei nobili e dei loro domestici e la rappresentazione di una società in un'epoca di cambiamenti, a metà tra la tradizione e la modernità.



Reign (Season 4)
Voto: 9 1/2
Commento: Reign è una delle mie serie tv preferite (insieme a The Originals e The 100). Amo gli intrighi di corte, i riferimenti storici più o meno (più meno che più) attendibili e le parti totalmente inventate. Ammetto di sentire la mancanza di Francis e Bash, ma Mary da sola mi fornisce una ragione sufficiente per andare avanti a seguire la serie (la quarta stagione sarà l'ultima!!! Nooo). In particolar modo, mi piacciono le musiche. Penso che rendano alcune scene molto, ma molto, più belle (tra le mie preferite: il matrimonio tra Mary e Francis, l'incoronazione di Francis e l'incoronazione di Charles).

Cosa ne pensate? Quali serie tv seguite?

mercoledì 11 gennaio 2017

Mini-recensioni: serie tv!

Dopo i libri e i film, non potevano mancare delle mini recensioni delle serie tv che ho visto negli ultimi mesi!


The 100 3
Voto: 9 1/2
Commento: The 100 è una delle mie serie tv preferite. La terza stagione mi è piaciuta molto, anche se la migliore secondo me resta la seconda. Amo Bellamy e adoro sua sorella Octavia!


Vikings 1, 2 e 3
Voto: 9
Commento: Sono arrivata all'ultimo episodio della terza stagione! Questa serie mi sta coinvolgendo sempre di più.


I Medici
Voto: 9
Commento: Dopo aver visto Da Vinci's demons in inglese quest'estate (e dopo che una mia amica si è perdutamente innamorata di Giuliano de' Medici ahaha), avevo proprio bisogno di vedere I Medici in italiano e di sentir pronunciare decentemente i nomi italiani! 


Carlos, Rey emperador
Voto: 7 1/2
Commento: Ho inziato a vedere questa serie in spagnolo per esercitarmi un po' nella lingua. Sfortunatamente a causa della scuola non ho avuto tempo di andare oltre la seconda puntata (ogni episodio dura circa un'ora e venti). In ogni caso, da quel che ho potuto vedere, la storia è abbastanza carina.


iZombie 2
Voto: 8 1/2
Commento: Questa serie è un po' diversa dal mio solito genere (ormai penso abbiate capito cosa mi piace ahaha), ma è troppo divertente! È perfetta per rilassarsi e distrarsi per qualche ora.

Ho una certa predilezione per tutto ciò che non è ambientato nel presente, non vi pare? Ahahaha

Cosa ne pensate? Vi piacciono le serie tv? Qual è la vostra preferita?

venerdì 6 gennaio 2017

Mini-recensioni: film!

Ho pensato di fare anche delle mini-recensioni dei film che ho visto negli ultimi mesi! Cosa ne pensate? Vi sembra una buona idea?


La duchessa
Voto: 9
Commento: Credevo si trattasse della solita storia: una donna sposa un uomo più vecchio che non ama perché costretta o perché è ciò che ci si aspetta da lei, poi insoddisfatta si innamora di un giovane affascinante e inizia con lui una relazione (subito dopo aver parlato a scuola di Effi Briest, La Regenta e aver letto Madame Bovary e Anna Karenina, come potevo aspettarmi qualcosa di diverso? Seriamente, ho una confusione in testa! Che fatica distinguere una storia dall'altra!). In realtà, questo film si è rivelato molto più di interessante del previsto. Solitamente non mi piacciono le protagoniste di questo genere di storie, ma Georgiana durante tutto il film si è dimostrata una donna forte e responsabile, nonché un'ottima madre.
Consiglio davvero questo film, soprattutto ad un pubblico femminile.


Jane Eyre
Voto: 9
Commento: Sono passati circa cinque anni da quando ho letto il libro, ma per la prima volta mi sono decisa a guardare una delle versioni del film. Avendo visto una sola versione non posso dirvi quale sia la migliore, tuttavia posso dirvi che quella del 2011 mi è piaciuta molto. Non sono una fan del signor Rochester, ma preferisco la sua versione cinematografica  (anche se i mie ricordi del libro sono un po' sfocati dopo cinque anni).


Orgoglio e pregiudizio
Voto: 9
Commento: Anche in questo caso ho visto solo una versione (quella del 2005) e letto il libro cinque o sei anni fa. Ho incluso il film in questa lista perché l'ho guardato qualche settimana fa, ma in realtà l'avevo già visto precedentemente almeno tre volte. Adoro Jane Austen (ho letto Orgoglio e pregiudizio, Persuasione e L'Abbazia di Northanger e visto il film di Emma, ma ho intenzione di leggere anche gli altri) e tra i suoi libri il mio preferito è L'Abbazia di Northanger (Henry Tilney fa per me, molto più di Mr Darcy).
Mettendo da parte i libri, questo film merita e lo consiglio caldamente!


Big Fish
Voto: 9
Commento: È un film originale, coinvolgente, profondo e al tempo stesso divertente. Ho deciso di guardarlo perché tra i film su Netflix che non avevo mai visto era uno di quelli che mi ispiravano di più.


Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali
Voto: 7 1/2
Commento: Sono andata al cinema a vederlo perché interessava ad una mia amica. Io non ho letto i libri, ma lei che li ha letti mi ha detto che il film è molto diverso.
Il film di per sé non è brutto. Gli ho dato solo 7 1/2 perché non è il mio genere e la storia mi è sembrata un po' scontata.


L'altra donna del re
Voto: 8
Commento: Anche questo l'ho visto insieme ad una mia amica (per sua scelta) e devo dire che mi è piaciuto!


Effie Gray
Voto: 8 1/2
Commento: Eccoci di nuovo al punto di partenza: matrimonio con un uomo più vecchio, ragazzo giovane e affascinante... adulterio? Non in questo caso.
Ho scelto questo film perché è disponibile su Premium Play e mi ispirava. Ormai avrete capito che quando c'è un film ambientato nel passato non me lo lascio mai sfuggire ahahha. Come La duchessa, anche Effie Gray mi ha sorpreso! Non voglio fare spoiler, ma vi consiglio di dare un'occhiata alla trama.


Chiamata da uno sconosciuto
Voto: 7 1/2
Commento: Quando sono con la mia amica Eleonora non riusciamo a non vedere almeno un horror! Ne ho visti talmente tanti che non riesco ad associare titoli e trame. Dopo un po' mi sembrano tutti uguali. Gli unici che riesco a ricordare bene in questo momento sono A Nightmare on elm street, La Madre, Unfriended, Annabelle e Poltergeist (per ragioni diverse, ad esempio Poltergeist mi è rimasto in mente perché ci siamo addormentate entrambe ahahah). Nella maggior parte dei casi la storia è talmente prevedibile e poco originale che riesce più a farci ridere che a spaventarci. Chiamata da uno sconosciuto mi ha sorpresa positivamente. Se non altro è riuscito a mettermi un po' d'ansia.

Cosa ne pensate? Avete visto questi film? Che voto dareste?

martedì 3 gennaio 2017

Mini-recensioni pt.2

Ciao! Come promesso, ecco la seconda parte delle mini-recensioni. Vi ricordo che, se siete interessati ad un libro in particolare tra quelli di cui vi parlerò oggi, potete scriverlo nei commenti e provvederò a farne una recensione più approfondita!


L'arte di essere fragili di Alessandro D'Avenia
Voto: 8 1/2
Commento: Ho un'amica che considera D'Avenia il suo scrittore preferito. I miei gusti sono un po' diversi, ciò non toglie che sia un bravo scrittore. Di suo avevo precedentemente letto solo Ciò che inferno non è (per scuola) e mi era piaciuto, più di quanto mi aspettassi. L'arte di essere fragili, lo ametto, l'ho comprato solo perché amo Leopardi. Ovviamente, parlando di Leopardi, come poteva non piacermi? Ma, Giacomo a parte, il libro è scritto molto bene e in esso l'autore dimostra la sua capacità di spiegare e la sua passione per la materia che insegna, cose che purtroppo mancano a molti professori che ho incontrato.


Once she dreamed di Abbi Glines
Voto: 8
Commento: Abbi, Abbi! Sai che amo i tuoi libri, ma dove è finito il tuo fantastico modo di scrivere che riesce a farmi disperare e commuovere? (cosa molto molto difficile da fare)
Ultimamente i suoi libri sono una delusione. Non che siano brutti, al contrario, solo che paragonati ai suoi libri di qualche anno fa sembrano sempre un po' sbrigativi e superficiali. Rivoglio indietro la mia vera Abbi!


Madame Bovary di Gustave Flaubert
Voto: 9
Commento: Emma Bovary è davvero insopportabile e in genere odio i tradimenti, tranne in casi come L'amante di Lady Chatterley, soprattutto se ci sono di mezzo dei figli che le madri prontamente abbandonano (vedi Anna Karenina). Madame Bovary, tuttavia, mi è piaciuto molto, grazie alla scrittura piacevole e coinvolgente di Flaubert.


I Malavoglia di Verga
Voto: 7
Commento: Ho dovuto leggere questo libro per scuola, di mia spontanea volontà probabilmente non l'avrei mai preso in mano. Non è il mio genere, ma mi è piaciuto più di quanto mi aspettassi.


Il piacere di Gabriele D'Annunzio
Voto: 9
Commento: A dire la verità l'ho letto quest'estate mentre ero al mare (lo so, le mie sono proprio le classiche letture da spiaggia ahaha), ma in realtà avrei dovuto leggerlo per scuola per dicembre, quindi l'ho incluso tra queste mini-recensioni. Mi ispirava troppo, ero curiosa di leggerlo!
Devo dire che mi è piaciuto tanto. Penso che prima o poi leggerò anche L'innocente.