martedì 7 novembre 2017

La dama del sudario di Bram Stoker

In diretta dal chiostro dell'Università Cattolica di Milano, ecco a voi la recensione di La dama del sudario di Bram Stoker. Dopo quattro ore passate ad analizzare campagne pubblicitarie e parlare di social network, è sorta in me una certa voglia di postare qualcosa. Perciò, eccomi qui! Dalla mia postazione, appoggiata alla colonna, al freddo, non vi garantisco una recensione di ottima qualità, ma vediamo cosa posso fare.


Traduttore: F. Alessandri, G. Ruggero
Editore: Elliot
Collana: Raggi
Anno edizione: 2017
Pagine: 312 p., Brossura
Trama:
Il giovane Rupert Saint Leger eredita da suo zio una ricca proprietà, ma per entrarne in possesso deve prima vivere per un anno nel suo castello sulla costa della Dalmazia. Un mistero però abita il castello delle Montagne Blu: dall’acqua scura del mare, nelle lunghe notti, esce, come una Venere armata di terrore, una donna dalle vesti bagnate, pallida, emaciata, alla ricerca di calore. Rupert l’accoglie, e notte dopo notte se ne innamora. Chi sarà veramente la donna? Una storia d’amore caposaldo del genere horror, narrata attraverso diari, stralci, carte sparse e biglietti scritti a mano, dal celebre autore di Dracula, che consacrò un intramontabile genere letterario.

La mia recensione:
Sono in un chiostro: l'atmosfera perfetta per un romanzo gotico. Tuttavia, io non definirei questo romanzo gotico. Adoro Bram Stoker, anche se lo ammetto prima di La dama del sudario avevo letto solo il suo celebre Dracula. Se leggendo la storia del famosissimo conte vampiro mi era sembrato di individuare nel potere del denaro un tema molto importante (i protagonisti riescono a ottenere di tutto e ad andare ovunque desiderino grazie alla ricchezza di uno di loro), La dama del sudario mi è parso un libro incentrato sul principio di autodeterminazione dei popoli (i dodici punti di Wilson, come dimenticarli visto che la prof di storia me li ha chiesti anche alla maturità). Crisi dei Balcani, mire espansionistiche europee, irridentisti italiani, desiderio di unità e indipendenza delle popolazioni slave... mi pare che in un contesto del genere i riferimenti ai vampiri passino in secondo piano.
Detto questo, ci sono all'interno della storia elementi che richiamano il genere gotico. La figura della Dama del Sudario è certamente affascinante. Il suo abbigliamento insolito, le sue apparizioni notturne, il suo pallore... tutto rimanda al soprannaturale.
Per quanto riguarda il protagonista, Rupert è un giovane fantastico. Io adoro i personaggi creati da Bram Stoker e, questo potrebbe sorprendervi, ma trovo che i suoi racconti siano molto molto romantici. Rupert e la Dama del Sudario sono una coppia stupenda, almeno secondo me.
Su questa nota concludo, perché mi si stanno congelando le dita. Spero che la recensione vi sia piaciuta! Cosa ne pensate del libro? Avete mai letto qualcosa di Stoker?

A presto ❤

lunedì 23 ottobre 2017

Nuovi acquisti!

Al momento sto leggendo "Noirs Démons 2" di Suzanne Wright. Tra i miei ultimi acquisti (non online) ci sono "La dama del sudario" di Bram Stoker, "Fiabe popolari svedesi" e "Una moglie per Winterborne" di Lisa Kleypas.



E voi? Cosa state leggendo? 

Cover mania #11

Ciao a tutti! Queste ultime settimane sono state un po' movimentate, tra i continui viaggi in treno verso Milano e le prime lezioni in università, ma non preoccupatevi, non mi sono dimenticata del blog. Ragion per cui, tra una pagina e l'altra del libro di microeconomia, ho deciso di mostrarvi qualche bella copertina!


Cress di Marissa Meyer (versione francese)


Venturess di Betsy Cornwell 


The wood di Chelsea Bubulski 

Quale preferite? 
Come state? Avete fatto nuovi acquisti in libreria di recente?

domenica 24 settembre 2017

Recensioni: Romance historique

Buongiorno! Ecco i libri in francese che ho letto negli ultimi tempi!

P.s. Tutti i libri che citerò in questo post possono essere letti nella loro versione originale in inglese e alcuni sono stati tradotti anche in italiano. Io ho deciso di comprarli in francese per ripassare un po' la lingua, per le meravigliose copertine e i prezzi ragionevoli.


Le rêve de Phoebe di Julie Anne Long

Voto: ☆☆
Commento: Questo libro mi ha colpita meno degli altri, ma è stata comunque una lettura piacevole.


Cœur de canaille di Lisa Kleypas 

Voto: ☆☆☆
Commento: Ho letto più di un libro di Lisa Kleypas e mi sono piaciuti tutti. Questo forse è quello meno originale, ma mi ha comunque fatto venire voglia di leggere il secondo libro della serie.


L'ange de minuit di Lisa Kleypas

Voto: ☆☆☆
Commento: La Russia mi affascina, quindi non posso che apprezzare una protagonista russa. Molto bella anche la storia d'amore tra i protagonisti.


À l'ombre d'une Lady di Julie Klassen

Voto: ☆☆☆
Commento: È il secondo libro di Julie Klassen che leggo e, come il primo, mi è piaciuto molto. Ricorda tanto lo stile di Charlotte Brontë.


   
Le secret de la duchesse e Le courage de l'héritière di Courtney Milan 

Voto: ☆☆☆
Commento: Questi due libri sono tra quelli che più mi sono piaciuti. Ho amato, in particolar modo, il duca di Clermont (Le secret de la duchesse) e Jane (Le courage de l'héritière).


Le pire des adversaires di Madeline Hunter 

Voto: ☆☆☆
Commento: Un libro molto interessante e un po' diverso dagli altri.


Les ailes de la nuit di Lisa Kleypas 

Voto: ☆☆☆
Commento: Ho apprezzato particolarmente i riferimenti alle abitudini e le usanze zingare.


Edenbrooke di Julianne Donaldson

Voto: ☆☆☆☆
Commento: Ho adorato questo libro. Philip è un uomo fantastico. In certi punti questa storia mi ha davvero fatto commuovere. Avrei voluto fosse più lungo.


À la poursuite du comte di Vanessa Kelly

Voto: ☆☆
Commento: Il libro è molto bello, ma Simon non è un personaggio che fa al caso mio. Il suo comportamento nei confronti di Sophie, in più occasioni, mi ha fatto davvero arrabbiare.

Cosa ne pensate? Conoscete qualcuno di questi libri o autrici?

sabato 16 settembre 2017

What's on my bookshelf? #8

Quale libro, tra quelli contenuti nella mia libreria, diventerà il protagonista di questo post?

Continuate a leggere e lo scoprirete!


<<Chiudi le finestre. Serrale bene>>, le disse Max, da dietro il vetro.
<<Non andartene, ti prego. Se Suzanne tornasse?>>
<<Non tornerà.>>
<<Per favore, resta. Rimani in balcone, ma resta. Non ti dirò di entrare, ma voglio sentire la tua presenza. Non mi lasciare sola. Mi fa male la testa e, dannazione, mi viene pure da piangere, e io odio piangere. Forse saranno cose da nulla per uno come te, ma perché non ti sforzi almeno un poco  di metterti nei miei panni?>>
Max fece una risatina breve e secca.
<<Mi starebbero larghi.>>

lunedì 11 settembre 2017

Firenze!

Come ho già detto nel post precedente, settimana scorsa sono stata quattro giorni a Firenze, insieme a un'amica. Ecco alcune delle foto che ho fatto e dei posti che ho visitato! 
Ero già stata a Firenze qualche anno fa, ma non avevo avuto modo di visitare molti musei. Diciamo che questa volta ho recuperato alla grande! Ora di sera eravamo sfinite! 


Cattedrale di Santa Maria del Fiore 


Casa museo di Dante


Giardino di Boboli 


Giardino di Boboli


Palazzo Pitti 


Vista dalla Cupola del Brunelleschi


David di Michelangelo (Gallerie dell'Accademia)

P. S. Ho trovato a Firenze una libreria, Paperback Exchange, che vende libri in inglese, usati e non! Sono riuscita a comprare un historical romance usato, in buone condizioni, a solo un euro! 

venerdì 8 settembre 2017

Cover mania #10

Scusate per l'assenza! Sono stata quattro giorni a Firenze insieme ad un'amica e non ho avuto modo di postare nulla. 


The architect of song di A.G. Howard


After Alice di Gregory Macguire


The midnight dance di Nikki Katz

Quale vi piace di più?

venerdì 1 settembre 2017

Fairyloot unboxing!!

Finalmente, dopo una lunghissima attesa, è arrivata la mia Fairyloot! Si tratta della scatola del mese di agosto, il cui tema è Otherworlds.


Ecco cosa ho trovato al suo interno:


Osserviamo più da vicino il libro: "Wicked like a wildfire" di Lana Popović. La copertina è davvero stupenda!


Cosa ne pensate? Appena lo avrò letto vi farò sapere com'è il libro! Nel frattempo, se volete comprare anche voi una scatola Fairyloot, visitate il sito QUI.

A presto! ❤

domenica 27 agosto 2017

Liebster Award 2017


Buongiorno! Finalmente sono riuscita a trovare un po' di tempo per rispondere alla nomina per il Liebster Award 2017, un riconoscimento a catena per dare maggiore visibilità ai blog con meno di 200 follower.

Ecco le regole:

1) Ringraziare chi ti ha premiato e rispondere alle undici domande che ti sono state poste.

Ringrazio nuovamente Mary del blog Leggendo&Sognando per la nomina!

Passiamo ora alle domande:

1. Romanzo autoconclusivo o serie?
In genere preferisco i romanzi autoconclusivi o le serie non troppo lunghe.

2. Se poteste incontrare un personaggio libresco, chi sarebbe?
Sono molti i personaggi che vorrei incontrare, ma il primo che mi viene in mente è Bryce Vandemberg. Desidero incontrarlo da quando, nel lontano 2010, ho letto per la prima volta Black Friars. L'Ordine della Spada di Virginia de Winter.

3. Un autore/autrice che vi piacerebbe conoscere?
Mi sarebbe piaciuto conoscere Jane Austen o le Brontë. Per quanto riguarda le scrittrici e gli scrittori in vita, preferisco che restino avvolti nel mistero.

4. Avete mai avuto il blocco del lettore? Come ne siete usciti?
No, ma talvolta mi capita di abbandonare momentaneamente un genere per passare a un altro.

5. Ebook o cartaceo?
Cartaceo, assolutamente! Adoro collezionare libri nella mia libreria.

6. Un libro che rispecchia la vostra vita?
Memorie dal sottosuolo o Le notti bianche di Dostoevskij.

7. Un film più bello del libro da cui è tratto?
Come film direi Il grande Gatsby (2013). Per quanto riguarda le serie tv The vampire diaries e The 100 mi piacciono più dei rispettivi libri.

8. Un libro che avete comprato attratti soltanto dalla copertina?
Più di uno, ma l'ultimo è sicuramente À la conquête du marquis (che si è poi rivelato essere molto bello)

9. Un libro che avete riletto più e più volte?
Black Friars. L'Ordine della Spada, Chi è Mara Dyer e praticamente tutti i libri di Abbi Glines.

10. Un libro che avete cominciato a leggere con entusiasmo ma che non si è rivelato all'altezza delle vostre aspettative?
Fire. Noi siamo il fuoco di Dorotea de Spirito.

11. Il bacio libresco più bello?
Questa è molto difficile. Direi il primo bacio tra Gwen e Gideon nella Trilogia delle gemme. Chi altri può dire di aver dato un bacio in un confessionale nel bel mezzo di un viaggio nel tempo?

2) Premiare altri undici blog che abbiano meno di 200 followers e che ritenete meritevoli.

Non è stato facile trovare tra i blog che seguo qualcuno con meno di 200 followers. Sono riuscita a trovarne solo sette.

1. Looking for wonder
2. La mia caotica libreria
3. Il mondo di Cry
4. L'apprendista libraia
5. Destino di carta
6. La ragazza che si nasconde dietro un libro
7. Un libro nel cassetto

3) Comunicare la premiazione nelle bacheche dei vincitori.

4) Proporre a vostra volta altre undici domande.

1. Copertina rigida o flessibile?
2. Leggete solo in italiano o anche in altre lingue?
3. Un libro che avete comprato o che vi hanno regalato non appartenente al genere che leggete di solito, ma che vi è piaciuto moltissimo.
4. Tra quelli che avete letto, qual è il libro con la copertina più bella?
5. Il libro più commovente che abbiate mai letto.
6. Avete mai letto dei retelling di fiabe più o meno famose? Se sì, qual è il vostro preferito?
7. Una serie che avete abbandonato prima dell'ultimo volume.
8. Qual è l'ultimo libro che avete comprato?
9. Acquistate più in libreria o online?
10. Preferite i libri ambientati nel passato, nel presente o nel futuro?
11. Qual è il libro più costoso e il più economico che avete acquistato?

A presto!

lunedì 21 agosto 2017

Recensioni

Dal momento che mi è quasi impossibile scrivere una singola recensione per ogni libro che leggo, ho deciso di continuare con le mini recensioni. Darò un voto a ogni libro letto nelle ultime settimane e lascerò un breve commento. Se un libro in particolare vi incuriosisce e vorreste saperne di più, scrivetelo nei commenti!



Winter di Marissa Meyer
Voto: ☆☆☆
Commento: Aspettavo questo libro da moltissimo tempo. Non solo la sua pubblicazione in Italia (che si è fatta attendere a lungo), ma una volta uscito, a fine giugno, ho fatto fatica a trovarlo in libreria. Per fortuna, alla fine sono riuscita a comprarlo alla Mondadori di piazza duomo a Milano. La storia di Winter mi è piaciuta, ma più che altro ho apprezzato il fatto di poter ritrovare tutti gli altri personaggi. In particolare, ho trovato molto interessanti le parti riguardanti Cress e Thorne e ovviamente Cinder e Kai. Se ancora non avete iniziato questa serie, vi consiglio di farlo!
Per quanto riguarda il prezzo, 20 € mi sembrano un po' eccessivi. La copertina, invece, mi piace molto.


Ritratto di dama di Giorgia Penzo
Voto: ☆☆☆
Commento: Ho scoperto questo libro per caso, leggendo un post del blog Atelier dei libri. Solitamente le autrici italiane non mi deludono e anche in questo caso le mie aspettative sono state soddisfatte. Sono contenta di aver comprato questo libro. La storia è molto breve, si legge in poche ore. L'atmosfera che si respira tra quelle pagine è quella di un sogno. Tutto quello che accade appare molto surreale, ma se un amore tanto magico quanto improbabile è ciò che cercate, questo libro fa per voi. Lo consiglio specialmente a tutti gli amanti di arte e letteratura.


The retribution of Mara Dyer di Michelle Hodkin
Voto: ☆☆☆
Commento: Alla fine mi sono arresa. Questo libro non uscirà mai in Italia, quindi, mi sono detta, tanto vale leggerlo in inglese. Stanno diventando davvero troppe le saghe nella mia libreria metà in italiano e metà in inglese. Sono davvero felice di non aver abbandonato questa trilogia. Avevo amato alla follia Chi è Mara Dyer (il primo volume della trilogia). Il secondo, Io non sono Mara Dyer, mi aveva leggermente delusa. ConThe retribution of Mara Dyer, finalmente si conclude la storia di Mara e Noah. Ma soprattutto viene svelato il perché di quel "il mio nome non è Mara Dyer" con cui iniziava il primo libro.


Le metamorfosi di Ovidio
Voto: ☆☆☆☆
Commento: Che dire? Adoro la mitologia greco-romana. La mitologia in generale mi affascina, in realtà, non solo quella greco-romana, sebbene sia quella che conosco meglio. La fama di quest'opera e gli innumerevoli richiami ai miti in essa narrati che popolano la letteratura italiana parlano da sé. Io mi limiterò a consigliare Le metamorfosi a tutti gli amanti di miti, fiabe e tradizioni.


À la conquête du marquis di Vanessa Kelly
Voto: ☆☆☆☆
Commento: Mi sono letteralmente innamorata della lettura in francese, tanto da comprare libri americani tradotti dall'inglese al francese. Trovo che il francese si adatti alla perfezione a queste storie di amori ottocenteschi. À la conquête du marquis mi è piaciuto moltissimo e non vedo l'ora di poter leggere il secondo volume À la poursuite du comte. Inoltre, da un punto di vista estetico questo libro è semplicemente stupendo.


Los días que nos separan di Laia Soler
Voto: ☆☆☆
Commento: Sono passata da un libro in italiano a uno in inglese, da uno in francese a uno in spagnolo! Spesso mi domando, ma in che lingua sto leggendo ora? Ahahaha. Ho comprato questo libro a ottobre, ma non ho mai avuto occasione di leggerlo.
Una storia d'amore tra un borghese e una semplice operaia, iniziata nella Barcellona del 1914. Un amore che attraversa la storia e resiste a cent'anni di lontananza. Due anime destinate a incontrarsi di nuovo e vivere finalmente, dopo tanta sofferenza, il loro lieto fine. Vi ho incuriosito? Sappiate che questo libro vi conquisterà. Il modo in cui è scritto, alternando capitoli ambientati nel presente e capitoli ambientati nel secolo scorso, alternando la storia di Abril e quella di Marina, vi terrà con il fiato sospeso, desiderosi di saperne di più su Víctor e sul misterioso ragazzo della biblioteca.

domenica 13 agosto 2017

Nuovi acquisti!

Mi sono appassionata ai libri in francese. Qualche giorno fa ne ho comprati ben sette su Amazon. I prezzi sono buoni: ho speso in media 7,40 € a libro e le copertine sono carinissime. La mia povera libreria si riempie sempre di più... prima o poi i libri conquisteranno la mia camera, costringendomi alla fuga.


Milady romance:

Le secret de la duchesse di Courtney Milan
À la conquête du marquis di Vanessa Kelly

J'ai lu pour elle:

Le pire des adversaires di Madeline Hunter
Le rêve de Phoebe di Julie Anne Long
Coeur de canaille di Lisa Kleypas
Les ailes de la nuit di Lisa Kleypas 
L'ange de minuit di Lisa Kleypas 

Ora attendo con ansia l'arrivo della mia Fairyloot. Non siete ansiosi di vedere cosa contiene? Io sì, moltissimo.
Nel frattempo, aspettatevi una recensione de Le metamorfosi di Ovidio, che ho quasi finito di leggere.

giovedì 10 agosto 2017

What's on my bookshelf? #7

Oggi il caso ha voluto che tra i libri presenti nella mia libreria Le due città di Dickens fosse eletto come protagonista di questo nuovo appuntamento con la rubrica "What's on mybookshelf?". Ecco a voi un piccolo estratto!


"La sentinella dondolante fu collocata al suo posto e il mare si precipitó avanti.
Il mare di nere acque minacciose, di incalzanti ondate distruttrici, le cui profondità erano ancora incalcolabili, le cui forze erano ancora ignote. Il mare senza rimorsi, di turbolenti forme ondeggianti, di voci che gridavano vendetta, di visi induriti nelle fornaci della sofferenza al punto che il tocco della pietà non vi lasciava più segno."

Cosa ne pensate? Avete letto questo libro?

mercoledì 9 agosto 2017

Recensione: Paradiso perduto di John Milton



Autore: John Milton
Editore: Mondadori
Collana: Nuovi oscar classici
Formato: Tascabile
Prezzo: 12,00 €


Trama:
Poema che si propone la «giustificazione all'uomo delle azioni del Signore», Paradiso perduto usa la forma drammatica per dimostrare che Adamo ed Eva furono puniti perché peccarono, scegliendo deliberatamente il Male. Uniti nella colpa e nell'implacabile sentenza divina, furono cacciati dall'Eden sulla terra: un luogo ignoto nel quale sono destinati a vivere nell'infelicità. Pur nella drammaticità del tema, le pagine del Paradiso perduto vivono di delicatissime sfumature e di un senso idillico e musicale che ne fanno ancora oggi un'opera di straordinario fascino.


♡♡♡

La mia recensione

"La mente è il proprio luogo, e può in sé fare un cielo dell'inferno, un inferno del cielo. Che cosa importa dove, se rimango me stesso? [...] Qui almeno saremo liberi; [...] vi regneremo sicuri, e a mio giudizio regnare è una degna ambizione, anche sopra l'inferno: meglio regnare all'inferno che servire in cielo".

Comprai questo libro due anni fa e poi lo misi da parte, in attesa del momento adatto per poterlo leggere.

"Preferiamo la dura libertà al più facile giogo di un lusso servile".

Finalmente, dopo la maturità, mi sono decisa a iniziarlo. In realtà, mi aspettavo una lettura più impegnativa. L'edizione che ho acquistato presenta il testo a fronte e io ho deciso di leggerlo in italiano, perché la traduzione mi piaceva più del testo originale. Nonostante i numerosi richiami a elementi della tradizione biblica e della cultura classica, il testo non è affatto difficile da comprendere e le note esplicative sono numerose e approfondite. Io non sono credente, ma la mitologia e le religioni mi affascinano. Raccontano molto di un popolo e la loro importanza culturale è innegabile. 

"Perché dovunque fugga è sempre inferno: sono io l'inferno".

Era da tempo che desideravo leggere quest'opera di cui ho tanto sentito parlare. Il modo in cui viene trattato in questo libro un tema come la caduta di Lucifero e il peccato originale di Adamo ed Eva mi ha sempre incuriosita. In particolar modo la figura di Lucifero, l'angelo che ha scelto di ribellarsi a Dio e ha pagato il prezzo del suo orgoglio insieme alle sue schiere, perdendo per sempre il Paradiso. La descrizione che Milton fa dei suoi pensieri e dei suoi sentimenti lo rendono terribilmente umano.

"Conoscere può essere un peccato? Può essere morte? E se li regge solo l'ignoranza, è questo il loro stato felice, prova dell'obbedienza e della fede?"

Una cosa che, invece, mi ha fatto arrabbiare sono i continui richiami all'inferiorità di Eva nei confronti di Adamo. È come se la sua unica dote fosse la sua bellezza e l'unico scopo della sua vita fare compagnia ad Adamo e seguire i suoi ordini. Ho provato compassione per lei, la cui unica libertà sta nel poter scegliere di peccare.

"Non amare la vita, ma non odiarla nemmeno; vivi nel modo migliore il tempo che hai da vivere".

In conclusione, le mie aspettative sono state ampiamente soddisfatte. So che non si tratta di una lettura adatta a tutti i gusti, ma se il tema vi incuriosisce vi consiglio caldamente di acquistare quest'opera al più presto!

Voto: ☆☆☆☆

mercoledì 2 agosto 2017

Cover mania #9

Il tema di oggi è... fairytale retellings!


Mechanica di Betsy Cornwell. Adoro questa copertina! Come si può facilmente dedurre dalla scarpetta che la ragazza tiene in mano, si tratta di un retelling di Cenerentola.


Winter di Marissa Meyer (edizione francese). Mi piacciono le copertine originali della serie The Lunar Chronicles, ma quelle francesi sono in assoluto le mie preferite! Ovviamente si tratta di un retelling di Biancaneve.


The shadow queen di C.J. Redwine. Ecco un altro retelling di Biancaneve. La trama di questo libro non mi ispira molto, ma la copertina mi piace. È semplice, ma quella mela nera su sfondo chiaro attira l'attenzione.

domenica 30 luglio 2017

Nuovi acquisti!

Finalmente, dopo quasi due settimane d'attesa, sono arrivati i tre libri ordinati su Mondadori Store!


Ritratto di dama di Giorgia Penzo
Gifted di H.A. Swain
The retribution of Mara Dyer di Michelle Hodkin

E voi? Quali sono i vostri ultimi acquisti?

sabato 29 luglio 2017

Cover mania #8

Dopo una lunga assenza ritorna la rubrica "Cover mania", una delle mie preferite! Se non ricordate esattamente come funziona, date un'occhiata al post "Cover mania #1".
Il tema di oggi è... sfondi neri.


Three dark crowns di Kendare Blake. Non ho mai letto questo libro, ma la sua copertina mi ha conquistata fin dal primo sguardo!


The Night Circus di Erin Morgenstern. Un libro letto tanto tempo fa. Non ricordo molto della storia, ma ricordo che mi era piaciuto. Trovo che la copertina sia davvero affascinante.


Wink Poppy Midnight di April Genevieve Tucholke. Non so assolutamente nulla di questo libro, ma la copertina, trovata per caso su internet, mi ha colpita molto.

Cosa ne pensate? Quali sono le vostre copertine con sfondo nero preferite?

giovedì 27 luglio 2017

What's on my bookshelf? #6

Torna finalmente la mia rubrica (che non sarà più a cadenza settimanale) "what's on my bookshelf?".
In cosa consiste? Prenderò un libro dalla mia libreria, lo aprirò a caso e ne posterò un piccolo estratto.

Il libro protagonista di questo post è... La moglie del califfo di Renée Ahdieh (Newton Compton Editori)


<<Ha ucciso mia cugina e adesso ha Shahrzad. Nel suo sangue scorre pura malvagità. L'unica cosa a cui riesco a pensare a proposito di Khalid Ibn al-Rashid è quante volte vorrei poterlo uccidere. È un vero peccato che possa morire una volta sola>>.
<<Lo disprezzo anch'io, con l'intensità di mille soli. Ma è sempre una buona idea studiare il proprio nemico, Tariq>>.
<<Non scambiare la mia veemenza per avventatezza. Intendo imparare tutto ciò che posso su di lui, ma non accadrà mai se resto rinchiuso tra le mura della fortezza di famiglia. Per questo andrò nel deserto a cercare i Badawi>>. Il viso di Tariq era pura determinazione. <<Da solo>>.

Cosa ne pensate? Avete letto questo libro? Vi è piaciuto?

mercoledì 26 luglio 2017

La mia libreria

Ciao a tutti! Come stanno procedendo le vacanze? Io ho appena letto quattro libri di seguito in francese: la trilogia Les larmes rouges di Georgia Caldera e Mariage à l'écossaise di Tessa Dare.
Ecco a voi "l'angolino francese" della mia libreria! Non è adorabile? 


Ora attendo con impazienza l'arrivo dei libri ordinati su Mondadori Store! Appena li avrò tra le mani posterò una foto.

Per ora è tutto, a presto!

sabato 15 luglio 2017

Recensione: Diabolic di S. J. Kincaid!

Ciao a tutti! Finalmente sono libera dalla maturità e dalla malattia che mi ha tormentato durante tutta la scorsa settimana. Ecco a voi la recensione di Diabolic di S.J. Kincaid. 


Titolo: Diabolic (The Diabolic #1)
Autrice: S.J. Kincaid
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 19,90 €
Pagine: 360

Un Diabolic non conosce la pietà. Un Diabolic è potente. Un Diabolic ha un solo compito: proteggere la persona per la quale è stato creato. E per farlo è disposto a uccidere. Nemesis è un Diabolic, una umanoide teenager creata per proteggere Sidonia, la figlia di un senatore della galassia. Le due sono cresciute l’una accanto all’altra ma il loro non è un rapporto tra pari. Nemenis, se necessario, darà la vita per Sidonia, e sarà felice di farlo. Quando l’Imperatore viene a sapere che il padre di Sidonia sta per unirsi a una rivolta contro di lui, convoca la ragazza a corte con l’intento di prenderla in ostaggio. Per Nemesis c’è solo un modo per proteggerla: sostituirsi a lei e partire alla volta della corte imperiale, un mondo di politici corrotti e voltafaccia. Mentre l’incombere della ribellione inizia a far tremare l’impero, Nemesis inizia a scoprire in sé un’umanità più vera di quella incontrata tra gli stessi umani. E proprio questa umanità potrebbe essere la chiave per salvare se stessa e forse anche l’impero...

La trama in breve

Nemesis è un mostro.
I diabolic come lei non hanno sentimenti, non provano mai paura o pietà. Il loro unico scopo è difendere la persona per la quale sono stati creati e sono disposti a tutto pur di riuscirci.

Sidonia è la figlia del senatore von Impyrean, soprannominato il Grande Eretico a causa del suo amore per la scienza, bandita dall'Impero, e per il suo disinteresse verso la fede elionica.

Quando Sidonia viene convocata a corte dall'Imperatore, in qualità di ostaggio, per tenere a bada la sua famiglia, sua madre decide di inviare Nemesis al suo posto.

Una volta a corte Nemesis incontra Tyrus Domitrian, il folle erede al trono. Un alleato improbabile che cambierà per sempre la vita della diabolic e accenderà in lei sentimenti che non pensava di poter provare.

La mia recensione

Alla science fiction e a una tecnologia super avanzata io preferisco una storia ambientata nel medioevo o in un'altra affascinante epoca storica, ma ahimè non si può sempre guardare al passato e ogni tanto un po' di futuro non fa male. Così, dopo aver finito Storia di Re Artù e dei suoi cavalieri scritto da ser Malory nel 1485, mi sembrava il caso di leggere qualcosa di più... al passo con i tempi.

Ho comprato Diabolic appena è uscito, poi, dovendomi concentrare sulla maturità, l'ho lasciato da parte, per riprenderlo in mano ieri e finirlo in pochissimo tempo.

La storia è molto affascinante. Mi ha ricordato un po' Cinder di Marissa Meyer, ma non abbastanza da perdere la propria originalità.

Nemesis è una protagonista un po' particolare. Non prova sentimenti, almeno all'inizio. A spingerla ad agire è la necessità di proteggere Sidonia e non si fa scrupoli a uccidere pur di riuscirci.

Anche Tyrus si è rivelato un personaggio interessante. Non voglio fare spoiler su di lui, ma, se deciderete di leggere questo libro, sono certa che vi sorprenderà.

La storia ha luogo nello spazio, poiché i membri più importanti dell'Impero non vivono sui pianeti, dove abitano invece gli Eccedenti, ma nello spazio, tra tutti i confort possibili e immaginabili. Le descrizioni dell'Impero e del mondo nel quale Nemesis vive sono semplici ma efficaci.

La storia d'amore non è centrale, ma gioca comunque un ruolo importante nel libro, per cui se siete amanti delle storie d'amore non resterete delusi.

In conclusione, Diabolic si è rivelato una piacevole lettura, anche se a essere sincera mi aspettavo qualcosa di più. La storia di Nemesis non mi ha fatto emozionare come mi sarei aspettata.

La copertina è davvero stupenda! Il prezzo, invece, come sempre quando si tratta di un libro Mondadori, è un po' eccessivo.

Voto: 3 stelle